Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  onlygio 3 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #8692

    Massi
    Amministratore del forum

    Devo ammetterlo: partivo un po’ prevenuto quando mi è stato proposto di provare l’ultima nata di casa Honda che porta il nome della mia “vecchia” moto (Africa Twin RD04 del 1992), amatissima compagna di viaggio che sinora mi ha accompagnato attraverso quattro continenti, quattro anni e più di settanta mila chilometri.

    IMG_3829

    Questa moto tanto attesa, osannata da stampa ed appassionati, esaltati da poter rileggere “Africa Twin” sulle carene di una due ruote tutta nuova. Ho letto di ciclistica, potenza, frizione automatica, comparative più o meno adeguate. Non so come, ma nella mia testa risuonava sempre e solo una parola: “Ma“.

    Parto dalla fine: la moto l’ho provata in un kartodromo e come tutte le Honda mi sono sentito subito ‘a casa’: a parte una spigolosità eccessiva del serbatoio all’altezza delle mie ginocchia, già alla terza curva sentivo di aver macinato migliaia di chilometri con la moto in prova, rigorosamente col cambio manuale.

    IMG_3834

    La cosa che più ho notato su asfalto è stata una rigorosità direzionale e una agilità molto superiore rispetto al mix di distribuzione pesi e sospensioni (originali) del modello in mio possesso, con cui ho attraversato venti Paesi e che mi sta accompagnando nel mio giro del mondo, iniziato nel lontano agosto 2011.

    Nel poco sterrato che ho condotto ho comunque apprezzato una moto molto stabile, ben bilanciata e dall’erogazione dolcissima, quasi elettrica, tuttavia non sono stato sorpreso da queste doti, visto che anche la mia bella del ’92 in fuoristrada se la cava alla grande. Diciamo che nel complesso sono rimasto piacevolmente impressionato dalla prova e devo ammettere che mamma Honda a tirato fuori davvero un bel modello,MA quasi tutti i “Ma” nella mia testa restano ancora. A cosa mi riferisco?

    IMG_3839

    Nel corso dei miei anni su strada (e non) ho potuto riflettere moltissimo sulle priorità di una moto deve garantirmi in un viaggio intorno al mondo e sostanzialmente a quattro punti fondamentali:
    1 – Affidabilità;
    2 – Leggerezza;
    3 – Autonomia;
    4 – Reperibilità dei ricambi.

    Esaminando punto per punto: nonostante la CRF 1000 L sia relativamente nuova, sono stra-sicuro che la Honda ha realizzato un prodotto super affidabile, nonostante ancora abbia molto da dimostrare prima di potersi meritare di esser chiamata Africa Twin. “Ma” una moto con iniezione elettronica (lo so, ormai sono tutte così, ma non l’ho scelto io!), ABS, controllo di trazione, catalizzatore, (per non parlare della versione col DCT) sarà sempre meno affidabile di una moto che beve qualsiasi tipo di benzina, non ha bisogno di un meccanico specializzato e di un computer dedicato in caso di necessità e, eventualmente, può esser riparata con un saldatore e due martellate anche nel più remoto angolo di mondo.

    IMG_3837

    Quanto alla leggerezza, visti i dati ufficiali e la sensazione ‘a pelle’, in teoria la nuova moto pareggia con la vecchia, tuttavia io sono dell’avviso che non era necessario regalarle un propulsore da un litro di cubatura: nonostante i nuovi motori sviluppino (a parità di cm³) più potenza rispetto ai predecessori e consumino sempre meno, le cilindrate delle moto hanno continuato costantemente ad aumentare. A mio modesto avviso 95 CV sono anche troppi per poter viaggiare (de gustibus…) e Honda avrebbe potuto tranquillamente riproporre un motore da 750 cm³ con una potenza di circa 80 cv (giusto per tenere testa alla concorrenza, tuttavia io non mi lamento dei 60 cv della mia Africozza). La Yamaha sembra stia lavorando proprio su una Ténéré in versione 700 cm³ e secondo me si accaparrerà una fetta esclusiva di mercato. Dunque OK, il peso è uguale, “Ma” avrebbero potuto piazzare un motore più piccolo, risparmiare minimo 10 kg e fare la felicità di tutti i viaggiatori all’atto di spostare da ferma (o rialzare, sgratt sgratt) la propria compagna di viaggio stracarica di bagagli.

    IMG_3842

    In termini di autonomia la Honda dichiara le stesse percorrenze chilometriche rispetto al modello precedente nonostante la cubatura in più, “Ma” secondo me avrebbero potuto mantenere i 24 l e sfondare il muro dei 400 km, una risorsa in più per chi non vuole portarsi dietro taniche extra. Certo, in Europa c’è un distributore quasi in ogni dove e l’acquirente-tipo di questa moto non vedrà l’utilità di spendere tre secondi e dieci euro extra alla pompa di benzina, “Ma” un viaggiatore alle prese con deserti e terra rossa avrebbe sicuramente gradito (io stesso ho dovuto caricarmi due bidoncini di benzina per affrontare la Ruta B in Tierra de Fuego e ho dovuto sfidare scioperi dei benzinai e distanze ‘importanti’ fra una pompa e l’altra sulla Ruta 40, per non parlare dei deserti dell’Australia…) vedere un modello evoluto che consente di ampliare il raggio d’azione.

    L’ultimo punto è un po’ legato al primo tuttavia Honda è notoriamente conosciuta per avere la rete ricambi più diffusa al mondo, indi in un tempo ragionevolmente corto dovrebbero essere disponibili ricambi vari un po’ dappertutto. “Ma” parlando di ricambi basilari, la scelta di mamma Honda di optare per un pneumatico posteriore 150/70-18 è sicuramente frutto di un ingegnere e non di un fruitore. Trovare un pneumatico del genere in Patagonia, Tierra del Fuego, Sud-est Asiatico e Northern Territory in Australia è mooolto più difficile (ed oneroso) rispetto al classico 130 o 140/80-17 (il 130/90 non lo prendo neppure in considerazione per ovvi motivi 🙂 Alla peggio uno poteva anche ‘salvarsi’ con un 120/80-17, ma col cerchio da 18″ la cosa diventa non impossibile, ma certamente più complicata.) Parlo per esperienza di un mio caro amico che ha modificato la sua RD 07 con un cerchio da 18″ e nel suo giro del mondo si è pentito amaramente della scelta fatta.

    IMG_3845

    Dunque, per tirare le somme, la ‘nuova’ Africa Twin è una moto affascinante, esclusiva, facilissima da guidare e con una ciclistica ed un motore stupendi, “Ma” è una moto fatta dagli esperti di marketing, quelli che devono competere con la BMW GS 1200 e che hanno come target un cliente che viaggia tanto su strada, usa la moto anche tutti i giorni, che però raramente si allontana dalle piste battute e che si inoltra in deserti, strade fangose o zone remote di questo bellissimo pianeta. Sicuro ci sarà chi la condurrà su sterrati e mulattiere, tuttavia ho modo di immaginare che si tratterà di una minoranza. Io che ho studiato marketing (e ho anche lavorato nel campo per quattro anni) so riconoscere quando c’è lo zampino di un dipendente con la cravatta rispetto ad uno (più indicato) con le mani sporche di grasso. Ragionando anche io da ‘uomo di marketing’ avrei fatto la nuova Africa esattamente così com’è, ma il mio cuore e la mia esperienza di viaggio mi hanno imposto di scrivere questo articolo.

    IMG_3847

    In conclusione, se domani mi venisse chiesto di effettuare il giro del mondo con la nuova Africa Twin, offrendomi di scambiare la mia adorata Africa Twin XRV750 RD04 con (stimati) 170’000 km con una nuova CRF1000L a zero chilometri, non stupirebbe sentire come risposta: “No grazie, la mia bella non si tocca!
    Massi

     

    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 5 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 4 mesi fa da  Massi.
    #8700

    onlygio
    Amministratore del forum

    Africa Twin CRF1000L

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.