Questo argomento contiene 1 risposta, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  Massi 6 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #6566

    Massi
    Amministratore del forum

    Da quando sono arrivato, in molti mi hanno chiesto consigli su come fare per stabilirsi in Australia. Vista la situazione economico/politica de nostro Paese, la cosa non mi stupisce… Comincio col dire che il parametro principale per venire in Australia è l’età: se si hanno meno di trentuno anni si può richiedere il Working Holiday Visa (WHV) che dà la possibilità di vivere nel Paese per un anno, lavorare fino a sei mesi per il medesimo datore di lavoro e, ovviamente, studiare (fino a quattro mesi). L’application si fa on line e si ottiene risposta entro pochi giorni. Questo il sito: http://www.immi.gov.au/visitors/working-holiday/417/ .Una volta in Australia, si può ottenere anche un secondo anno di WHV facendo ottantotto giorni di lavoro in specifiche aree del Paese (c’è la lista dei codici postali validi) ovvero: lavori in fattoria, lavori legati alla pesca, miniere o costruzioni. Una volta completati i giorni richiesti, si può procedere con la richiesta del secondo WHV a questo link: http://www.immi.gov.au/visitors/working-holiday/417/eligibility-second.htm . Di solito viene accettato entro due o tre settimane, anche se il Governo può effettuare delle verifiche a campione ad un candidato ogni sette, dunque bisogna conservare la documentazione che i datore di lavoro rilascerà al termine del periodo interessato. In questo modo, il Governo spinge migliaia di giovani a stabilirsi in zone al di fuori dei grandi centri abitati ed effettuare lavori che molti australiani non vogliono compiere. Questo è il visto più ambito e quello con più vantaggi. In caso si abbiano più di trentuno anni, c’è ancora la possibilità di lavorare legalmente, ma in tal caso bisogna optare per il visto 457 che, praticamente, consente di restare in Australia finché sussiste il contratto di lavoro. In tal caso bisogna avere delle qualifiche ed esperienze in determinati campi, ovvero rappresentare una specifica figura professionale presente nella Consolidated Sponsored Occupation List (occhio che cambia abbastanza di frequente) a questo indirizzo: http://www.immi.gov.au/skilled/_pdf/sol-schedule1-2.pdfhttp://www.immi.gov.au/skilled/_pdf/sol-schedule1-2.pdf . I dettagli per il 457 sono qui: http://www.immi.gov.au/skilled/skilled-workers/sbs/ . Ovviamente, per procede con tale visto bisogna avere già dei contatti in loco, magari tramite qualche ditta italiana che ha basi qui in Australia. Oppure (consiglio personale) meglio venire con un visto turistico (almeno ci si rende conto se il posto piace e davvero si ha voglia di restare) e cercare un datore di lavoro che consenta di procedere poi alla richiesta del visto in questione. In base alle proprie esperienze, nazione d’origine (ci sono accordi diversi fra Paesi ed Governo australiano) ed età le limitazioni possono esser diverse. Addirittura, se si è qualificati in uno dei lavori della Skilled Migration List http://www.immi.gov.au/skilled/_pdf/sol-schedule1.pdf si può fare application direttamente per la permanent residency… Insomma, le vie sono diverse e, addirittura, molti optano per lo Student Visa che consente di frequentare un corso professionale od universitario e, logicamente, è legato alla durata del percorso di studi. I costi dei corsi sono notoriamente molto alti ed il visto permette di lavorare solo venti ore a settimana, che non consentono di essere autosufficienti, considerate le spese generali e l’affitto. In Australia tutto costa tantissimo, ma è proporzionato agli stipendi. Un lavoro full time consente di mantenersi e mettere da parte discrete cifre di denaro in poco tempo, ma venti ore non sono sufficienti. Ma c’è sempre la possibilità di fare qualche lavoretto extra pagato ‘cash in hands’… Qui si possono avere un po’ di informazioni in più relativamente allo Student Visa: http://www.immi.gov.au/students/students/chooser/ . Per grandi linee questi sono i visti più gettonati, ma ovviamente ce ne sono una infinità e con caratteristiche diverse a seconda dei casi. Trovare il visto giusto può esser insidioso, ma se si ha la possibilità di optare per questi appena menzionati, il gioco diventa semplice. Una volta nel Paese, per rimanere e diventare cittadini australiani, ancora, le opzioni sono molte e dipendono sempre da fattori quali: età, qualifiche professionali ed esperienze lavorative. Come detto prima, il mio consiglio è: venire ed ‘assaggiare’ l’Australia con un visto turistico o con il WHV e decidere sul da farsi. Se si ha veramente voglia di rimanere, un modo si trova e grazie alle conoscenze di amici (o di un agente) si possono racimolare le informazioni necessarie per procedere. In definitiva: bisogna provare!

    #6592

    Massi
    Amministratore del forum

    Meglio fare un salto ed aggiornarsi presso il sito del Governo: stanno cambiando diversi visti, sia in termini di costo che di condizioni. Segnale che stanno arrivando veramente tantissime persone e che… la crisi globale sta costringendo molti ad allontanarsi dai propri Paesi. Meglio informarsi per bene circa le nuove modifiche…

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.