Asfalto, vento e sabbia.

Asfalto, vento e sabbia. Questo mi attende nel tragitto verso Shiraz. Decantata da tutti come una delle più belle città dell’Iran, ha una passerella altrettanto piacevole: la strada che vi conduce è davvero molto molto bella. Mi fermo spesso a fare fotografie e resto basito dagli scenari che mi si parano innanzi. C’è un sole magnifico e guidare, oggi, nasconde sensazioni nuove: mi sto veramente godendo questo viaggio, l’Iran e le sue sfumature color terra.

Dettagli

Deserto… o no?

Per oggi il meteo non prevede nulla di buono, dunque fodera interna antipioggia e invernale, felpa e un ringraziamento a me stesso per non aver lasciato a casa l’abbigliamento dedicato. La sveglia non è clemente, ma non posso prendermela comoda e alle 6:15 sono in piedi per levare le tende ed evitare le frotte di lavoratori entranti in Tehran. Dopo tanti tentativi, in queste settimane, di svegliarmi ad orari decenti, stavolta ci sono riuscito!

Dettagli

Cielo grigio

Supero una fila interminabile di macchine (qui è prassi) e il benzinaio mi offre di far miscela. Sarebbe bello avere ancora quattordici anni e andare al mare con il mio ‘paparillo’ (motorino), ma ora ne ho trenta e le spiagge che conosco sono lontane nel tempo e nello spazio… Serbatoio pieno e mente sgombra: il modo migliore di rimettersi in marcia.

Dettagli

…quindici bastano?

Sveglia presto, ricarica la moto e via alla farmacia di Izmael per l’intervista con SBS Radio Australia. Sbrigati i miei doveri da ‘star’, poco prima di mezzogiorno sono pronto a macinare chilometri come non mai. Sento che sto per  iniziare a scrivere un nuovo capitolo del mio viaggio e molti pensieri mi accompagnano lungo il percorso.

Dettagli

Alti e bassi…

Stavolta i chilometri da fare non sono molti, ma la qualità (pessima) dell’asfalto e la spettacolarità del paesaggio mi faranno viaggiare per diverse ore in più del previsto. Anche oggi sto bene e mi sento veramente rilassato, nonostante gli ultimi spostamenti (Nevsehir, Adana, Gaziantep) siano fra località a diverse altitudini e il mio corpo ha accusato un minimo il colpo.

Dettagli